L’impatto di una dieta sana sulla salute generale e parodontale


 

By Michaela von Geijer, Anna Nilvéus Olofsson

*DDS, Specialist Odontology, TePe
**DDS, Manager Odontology and Scientific Affairs, TePe


Avere un’alimentazione sana è importante sia per la salute generale che per la salute parodontale. La nutrizione svolge un ruolo fondamentale nel complesso equilibrio tra tessuti orali sani, la risposta dell’ospite agli stimoli e i microrganismi che popolano la bocca. Attraverso l’educazione dei pazienti a seguire un’alimentazione corretta, l’odontoiatra e l’igienista dentale possono contribuire a ottenere una popolazione più sana, sia per quanto riguarda la salute orale che per la salute generale.

L’effetto generale di un’alimentazione sana
L’importanza di seguire una dieta sana per godere di una buona salute generale è indiscutibile. In un gran numero di studi si analizza il rapporto tra alimentazione e salute. Diverse revisioni sono state pubblicate a sostegno del fatto che un maggiore apporto di frutta e verdura riduce il rischio di malattie cardiovascolari, diabete, cancro e molte altre malattie sistemiche. Inoltre si sostiene che alcune sostanze assunte nella dieta hanno un’influenza antinfiammatoria sul corpo. Adottare una dieta antinfiammatoria sembra ridurre il rischio di sviluppare malattie sistemiche.
I nutrienti nella nostra dieta sono tradizionalmente suddivisi in macronutrienti e micronutrienti. I macronutrienti, vale a dire carboidrati, proteine e grassi, sono richiesti in grandi quantità. I micronutrienti sono vitamine e minerali, di cui necessitiamo in quantità minima; tuttavia, questi ultimi, sono essenziali per la produzione di ormoni ed enzimi.

Alimentazione sana e salute parodontale
Oltre all’impatto sulla salute generale, una dieta sana può anche influenzare la salute parodontale, lo sviluppo di malattie orali e i risultati dei trattamenti. Frutta e verdura contengono importanti nutrienti che danno molti benefici. Diversi studi hanno anche osservato gli effetti sulla salute parodontale, come per esempio il ruolo delle vitamine. Ci sono vari approfondimenti su come la vitamina C influisce sulla parodontite e anche sull’importanza della vitamina D per quanto riguarda i denti e le ossa. Sembra anche esserci qualche associazione tra vitamina D e salute parodontale.
In uno studio randomizzato controllato, ai pazienti del gruppo test è stato chiesto di passare a una dieta anti-infiammatoria contenente pochi carboidrati e proteine animali, più acidi grassi omega-3 e un maggior numero di vitamine C, D, antiossidanti, nitrati e fibre vegetali. Per un periodo di quattro settimane è stato negato ai pazienti di eseguire alcuna manovra di pulizia interdentale.
Secondo i risultati, i pazienti che hanno seguito la dieta antinfiammatoria hanno avuto una significativa riduzione del sanguinamento gengivale rispetto al gruppo di controllo. Non è stata trovata nessuna differenza tra i due gruppi per quanto riguarda gli indici di placca, la composizione del microbioma gengivale e i parametri sierologici infiammatori.
È stato anche studiato l’impatto dell’assunzione di frutta sulla progressione della malattia parodontale, concludendo che consumando almeno cinque porzioni di frutta e verdura al giorno si può prevenire la progressione delle malattie parodontali.
Uno studio si è focalizzato in particolare sui benefici del kiwi in relazione all’esito del trattamento parodontale. Il kiwi contiene concentrazioni molto elevate di vitamina C, nonché minerali e polifenoli, i quali hanno effetti antinfiammatori, antimicrobici e antiossidanti. Al gruppo test è stata consigliata l’assunzione di due kiwi al giorno per cinque mesi, prima e dopo il trattamento parodontale.
I risultati hanno dimostrato che i pazienti che hanno aggiunto due kiwi alla loro dieta quotidiana hanno una significativa riduzione dell’infiammazione gengivale rispetto al gruppo di controllo, anche prima dell’esecuzione della strumentazione manuale e della spiegazione delle istruzioni di igiene orale. Il gruppo in esame ha anche presentato una minore formazione di placca. In questo caso, l’assunzione di kiwi non ha influito sull’esito del trattamento parodontale effettuato, sebbene ci siano altri studi che indicano che alcune vitamine e minerali potrebbero influenzare il trattamento stesso.

Effetti sullo stile di vita sui micronutrienti
Una percentuale molto alta di persone sembra avere un apporto inadeguato di vitamine e minerali. La quantità di micronutrienti nel corpo è influenzata da molti fattori tra cui lo stile di vita, l’uso di nicotina, l’abuso di droghe e alcool, l’assunzione di alcuni farmaci e la sudorazione intensa. È consigliabile evitare l’assunzione di alimenti trasformati. È preferibile mangiare cibi sani e preparati al momento, inoltre la biodisponibilità dei micronutrienti è influenzata dalla combinazione degli ingredienti. Il fabbisogno di micronutrienti varia durante la vita. Alcuni fattori che influenzano questo fabbisogno sono l’età, lo sviluppo, la composizione corporea, la gravidanza, l’allattamento al seno, la menopausa e le malattie sistemiche.
Le conoscenze sulla nutrigenetica, ovvero la risposta biologica dell’individuo a un determinato nutriente, si stanno approfondendo e la ricerca ha dimostrato che a causa della genetica, alcuni individui hanno difficoltà ad assorbire determinati micronutrienti dal cibo.

Conclusione
Una dieta contenente frutta, bacche, verdura, radici, noci, cereali integrali, fibre e grassi insaturi sembra avere un effetto positivo sulla salute generale e potrebbe anche essere utile per la salute orale. Il professionista dentale ha un ruolo importante nel consigliare il paziente non solo come ottenere una buona igiene orale ma anche come condurre una dieta più sana.


Bibliografia
− Aune D, Giovannucci E, Boffetta P, Fadnes LT, Keum N, Norat T, Greenwood DC, Riboli E, Vatten LJ, Tonstad S. Fruit and Vegetable Intake and the Risk of Cardiovascular Disease, Total Cancer and All-Cause Mortality-A Systematic Review and Dose-Response Meta-Analysis of Prospective Studies. Int J Epidemiol. 2017 Jun;46(3):1029-1056.
− Aune D, Keum N, Giovannucci E, Fadnes LT, Boffetta P, Greenwood DC, Tonstad S, Vatten LJ, Riboli E, Norat T. Dietary Intake and Blood Concentrations of Antioxidants and the Risk of Cardiovascular Disease, Total Cancer, and All-Cause Mortality: A Systematic Review and Dose-Response Meta-Analysis of Prospective Studies. Am J Clin Nutr. 2018 Nov;108(5):1069-1091.
− Chapple ILC, Milward MR, Ling-Mountford N, Weston P, Carter K, Askey K, Dallal GE, De Spirt S, Sies H, Patel D, Matthews JB. Adjunctive Daily Supplementation With Encapsulated Fruit, Vegetable and Berry Juice Powder Concentrates and Clinical Periodontal Outcomes: A Double-Blind RCT. J Clin Periodontol. 2012 Jan;39(1):62-72.
− Chapple ILC, Bouchard P, Cagetti MG, Campus G, Carra M-C, Cocco F, Nibali L, Hujoel P, Laine ML, Lingström P, Manton DJ, Montero E, Pitts N, Rangé H, Schlueter N, Teughels W, Twetman S, Van Loveren C, Van der Weijden F, Veira AR, Schulte AG. Interaction of Lifestyle, Behaviour or Systemic Diseases With Dental Caries and Periodontal Diseases: Consensus Report of Group 2 of the Joint EFP/ORCA Workshop on the Boundaries Between Caries and Periodontal Diseases. J Clin Periodontol. 2017 Mar;44 Suppl 18:39-51.
− Dommisch H, Kuzmanova D, Jönsson D, Grant M, Chapple ILC. Effect of Micronutrient Malnutrition on Periodontal Disease and Periodontal Therapy. Periodontol 2000. 2018 Oct;78(1):129-153.

− Graziani F, Discepoli N, Gennai S, Karapetsa D, Nisi M, Bianchi L, Martijn Rosema NA, Van der Velden U. The Effect of Twice Daily Kiwifruit Consumption on Periodontal and Systemic Conditions Before and After Treatment: A Randomized Clinical Trial. J Periodontol. 2018 Mar;89(3):285-293.
− Hujoel P, Lingström P. Nutrition, Dental Caries and Periodontal Disease: A Narrative Review. J Clin Periodontol. 2017 Mar;44 Suppl 18:79-84.
− Najeeb S, Sohail Zafar M, Khurshid Z, Zohaib S, Almas K. The Role of Nutrition in Periodontal Health: An Update. Nutrients. 2016 Aug;8(9):530.
− Skoczek-Rubinska A, Bajerska J, Menclewicz K. Effects of Fruit and Vegetables Intake in Periodontal Diseases: A Systematic Review. Dent Med Probl. 2018 Oct-Dec;55(4):431-439.
− Park S-Y, Kang M, Wilkens LR, Shvetsov YB, Harmon BE, Shivappa N, Wirth MD, Hébert JR, Haiman CA, Le Marchand L, Boushey CJ. The Dietary Inflammatory Index and All-Cause, Cardiovascular Disease, and Cancer Mortality in the Multiethnic Cohort Study. Nutrients. 2018 Dec;10(12):1844.
− Phillips MC, Chen L-W, Heude B, Bernard JY, Harvey CN, Duijts L, Mensink-Bout SM, Polanska K, Mancano G, Suderman M, Shivappa N, Hébert JR. Dietary Inflammatory Index and Non-Communicable Disease Risk: A Narrative Review. Nutrients. 2019 Aug;11(8):1873.

− Shivappa N, Godos J, Hébert JR, Wirth MD, Piuri G, Speciani AF, Grosso G. Dietary Inflammatory Index and Cardiovascular Risk and Mortality—A Meta-Analysis. Nutrients. 2018 Feb;10(2):200.
− Varela-López A, Navarro-Hortal MD, Giampieri F, Bullón P, Battino M, Quiles JL. Nutraceuticals in Periodontal Health: A Systematic Review on the Role of Vitamins in Periodontal Health Maintenance. Molecules 2018 May;23(5):1226.
− Widén C, Coleman M, Critén S, Karlgren-Andersson P, Renvert S, Persson RG. Consumption of Bilberries Controls Gingival Inflammation. Int J Mol Sci. 2015 May;16(5):10665-10673. Woelber JP, Gärtner M, Breuninger L, Andersson A, König D, Hellwig E, Al-Ahmad A, Vach K, Dötsch A, Ratka-Krüger P, Tennert C. The Influence of an Anti-Inflammatory Diet on Gingivitis. A Randomized Controlled Trial. J Clin Periodontol. 2019 Apr;46(4):481-490.


TUEOR SERVIZI SRL

C.so Tazzoli 215/13 10137 Torino

[+39] 011 311 06 75