I temi del IV Congresso di Management odontoiatrico

Verso la ripartenza 2021: soluzioni e opportunità per lo studio odontoiatrico


 

Redazione Management Odontoiatrico


Avvicinandoci all’appuntamento annuale con il IV Congresso di Management dello studio e della professione odontoiatrica, Verso la ripartenza 2021: soluzioni e opportunità per lo studio odontoiatrico, in programma live-online venerdì 11 e sabato 12 dicembre 2020, iniziamo a scoprire meglio i temi dei relatori invitati, grandi esperti nel loro campo di consulenza specialistica nel settore odontoiatrico. Relazioni quantomai attuali e fondamentali per tutti coloro che desiderano analizzare, per poi saper affrontare al meglio, i tanti cambiamenti che hanno caratterizzato il 2020 e mettersi davvero in gioco con nuove strategie e opportunità per affrontare ed essere vincenti nel 2021. Le due giornate congressuali si articoleranno in percorsi rivolti al tutto il team odontoiatrico: in particolare un focus per titolari di studio, odontoiatri e personale di segreteria-amministrativo venerdì e un focus per odontoiatri, igienisti dentali e assistenti alla poltrona sabato.
I temi di venerdì ruoteranno intorno alla pianificazione operativa e finanziaria del 2021 con l’intervento di un consulente di studio odontoiatrici, un commercialista e un consulente del lavoro e a conclusione una interessante riflessione sull’attuale digitalizzazione della professione e della comunicazione con i pazienti. Sempre venerdì si parlerà anche di nuove soluzioni ed opportunità per il futuro degli studi con un attento vaglio delle diverse strade che si possono percorrere: dalle aggregazioni, alle cessioni e ancora alle acquisizioni.
Sabato sarà la giornata dedicata all’intero team odontoiatrico coinvolto nella comunicazione con il paziente: i clinici illustreranno nuove modalità di interazione e approfondiranno in che misura la promozione della salute orale possa davvero essere riconosciuta come modello di sviluppo per lo studio. A conclusione della giornata un interessante strumento di gestione delle risorse umane nelle mani del project manager dello studio per la riorganizzazione del personale in periodi di grandi cambiamenti.


Sessione: Pianificazione operativa e finanziaria 2021
_______________________________

Evoluzione delle forme societarie dello studio odontoiatrico. Analisi degli aspetti giuridici, fiscali, previdenziali e gestionali. Cenni sul passaggio generazionaleFranco CELLINO, Federico MOINE

Da molti anni stiamo assistendo all’aggregazione tra studi professionali. il contesto economico attuale richiede al professionista risposte rapide ed efficienti per competere in un mercato in continuo cambiamento. L’aggregazione tra professionisti sotto forma di studio associato o di STP (tipicamente nella forma di società a responsabilità limitata) rispondono a questa esigenza, se pur con peculiarità diverse. Dagli aspetti fiscali a quelli giuridici e gestionali, una breve disamina per una scelta ottimale.

__________________________________

Il corretto inquadramento contrattuale e previdenziale dei dipendenti e dei collaboratori dello Studio OdontoiatricoSalvatore VERGA

Classificare ed inquadrare correttamente le risorse umane è un fondamentale fattore strategico di sviluppo di qualsiasi realtà produttiva. Le decisioni iniziali riguardanti i contratti di lavoro stipulati con il personale ed i collaboratori generano ripercussioni giuridiche, organizzative ed economiche che si trascinano nel tempo. In questa sede verranno brevemente tratteggiati gli aspetti più rilevanti del quadro normativo e contrattuale.

___________________________________

Ed il paziente sarà digitale. Informazione, pagamenti, prenotazioni, telemedicina, algoritmi, virtual reality, ologrammi. See You Later… - Antonio PELLICCIA

Un quadro attuale proiettato all’immediato futuro di un mercato della sanità che cambia e che ha accelerato la trasformazione digitale con l’emergenza sanitaria mondiale. Una serie di esempi già realizzati di consulenze internazionali dove la digitalizzazione dei pazienti è già “on progress”. Un’evoluzione della specie che incide sulla comunicazione, sulle modalità di pagamento, sulle informazioni e sui processi decisionali di scelta dei pazienti-utenti-consumatori. Una presentazione “up to date”, qual tanto aventi da non essere fantascienza ma stimolo per una visione realistica a del futuro, frutto di intelligenza artificiale e di software arricchiti con algoritmi facilitatori di processi. 30 minuti insieme per parlare di integrazione clinico-gestionale.


Sessione: Aggregazioni, cessioni e acquisizioni
________________________________

Nuove sinergie tra studi singoli e gruppi organizzatiMatteo ANZANI

La gestione dello studio dentistico, anche in virtù dell'attuale realtà pandemica, richiede sempre più competenze imprenditoriali. Gestione del personale, gestione finanziaria, aspetti di comunicazione, l'odontoiatra titolare di studio deve dedicare sempre più tempo a queste attività che, spesso, non ha piacere di fare. Inoltre il 50% dei dentisti proprietari di studi ha più di 55 anni, per alcuni sta arrivando il momento di pensare al ricambio generazionale. DentalPro, primo gruppo in Italia nel settore delle cure odontoiatriche con 180 centri in 13 regioni e 55 provincie, ha studiato nuovi progetti rivolti a chi vuole dedicare il suo tempo all'attività clinica delegando gli aspetti burocratici o più semplicemente per chi desidera cedere il proprio studio ed aggregarsi ad un network di successo.

____________________________________

Il post Covid e i pazienti nomadiMaurizio QUARANTA

Il Covid-19, certe scelte controverse per combatterlo, e i portatori sani di notizie false li vedremo presto allontanarsi dal nostro specchietto retrovisore, ma noi non possiamo rilassarci perchè dobbiamo già approfittarne per mettere ordine nelle cose che facciamo.
Per prima cosa dobbiamo alleggerire lo zaino, ridisegnando il sogno che abbiamo del nostro studio e fare una sana pianificazione finanziaria, se vogliamo arrivare alla metà. Dobbiamo poi mettere a frutto tutto ciò che di nuovo abbiamo imparato durante questi due diversi lockdown, incluso il modo di comunicare, che lo abbiamo visto consolidarsi in versione multicanale, soprattutto se vogliamo intercettare i pazienti nomadi. Ma ammesso che esistano, chi sono questi pazienti nomadi e dove sono?


Sessione: Come lo studio comunicherà con il paziente
_________________________________

Differenziazione, autorevolezza ed efficacia nella comunicazione digitale dell’era post Covid-19 - Roberto ROSSO

In un settore in radicale trasformazione, con un impatto dirompente delle politiche di distanziamento sociale nell’uso delle tecnologie digitali, il tema della “Digital Communication” diventa centrale anche per uno sviluppo ottimale dell’attività dello studio dentistico.
Ma essere digitali nella comunicazione non significa non tenere conto dei fondamentali di marketing e delle regole di comunicazione più in generale, in un mondo nel quale i pazienti ricercano soprattutto contenuti affidabili e autorevoli, nel quale ci si può differenziare solo con una proposta di valore efficace.
D’altro canto, il grande affollamento del web rispetto alle tematiche odontoiatriche, e la ridotta attitudine degli operatori dell’odontoiatria verso le materie del marketing e della comunicazione, non consentono di approcciarsi a questo mondo senza le dovute conoscenze di base e un approccio professionale.
L’intervento in oggetto è quindi teso a delineare lo scenario in termini di offerta e di attitudini della popolazione, senza tralasciare gli aspetti strategici e operativi per un corretto approccio alla comunicazione digitale in odontoiatria.

___________________________________

La comunicazione come presupposto della salute oraleChiara LORENZI

Il ruolo dell’Igienista Dentale e della comunicazione sono centrali per il successo a lungo termine di qualsiasi terapia: tale esito positivo si può basare esclusivamente sull’applicazione di una corretta terapia di mantenimento dentro e fuori dallo studio odontoiatrico coinvolgendo attivamente il paziente e responsabilizzandolo come attore principale. Per creare un rapporto di fiducia non basato esclusivamente su quello operatore-paziente sempre più dobbiamo spostare l’attenzione sulla condivisione delle conoscenze e degli obiettivi. Le abitudini, motivazioni e abilità manuali riscontrate nel paziente, sono un ulteriore riferimento che l’igienista dovrà prendere in considerazione per elaborare le istruzioni adeguate.

___________________________________

L’ortodonzia digitale sfida i lock down e annulla le distanzeMatteo REVERDITO

L’avvento della odontoiatria digitale ha indubbiamente portato con sé diversi vantaggi e la disciplina che forse ne gode maggiormente in questo periodo di distanze forzate è l’ortodonzia. L’impronta digitale riduce i passaggi e il rischio di contagio, la progettazione 3D dei movimenti ortodontici permette la preattivazione dei dispositivi e la possibilità di applicare nuove forze biomeccaniche e procedere nel trattamento senza dover agire direttamente sull’apparecchio, la simulazione virtuale facilita la comunicazione e l’evidenza del giusto fitting tra arcata e allineatore permettono il monitoraggio remoto del trattamento stesso.


Sessione: Promozione della salute orale come modello di sviluppo
___________________________________

Da dentista a medico orale: come ampliare le opportunità dello studio odontoiatricoLuca VIGANÒ

Dobbiamo cambiare il paradigma passando da “Dentista” a medico orale Questo cambio genera una svolta epocale nella professione, serve solo la presa di coscienza come questo percorso diventi anche un’opportunità per la crescita non solo professionale ma anche di marketing per lo studio. Il cavo orale è strettamente legato alla salute sistemica, conoscere e divulgare questo concetto consente al “medico orale” di interagire con gli altri specialisti e cambiare il percepito del paziente. La modifica del profilo professionale consente un ampliamento delle proprie attività professionali, questa variazione, unita alla formazione del team come supporto a tale figura è il cardine imprescindibile del futuro professionale del “dentista”.

__________________________________

Il GANTT come tool di project managementSonia VOLPE

Il diagramma di Gantt, che deve il suo nome al suo ideatore, l’ingegnere statunitense Henry Lawrence Gantt), è un importante strumento di pianificazione operativa. Una versione opportunamente modificata permette di rappresentare graficamente e il fabbisogno di risorse umane ausiliarie in relazione all’organizzazione delle risorse produttive. Si parte dal rilevamento dello status quo e si effettuano simulazioni ad hoc fino al raggiungimento dell’organizzazione ottimale nella distribuzione dei carichi di lavoro. Il Gantt consente di: - individuare anomalie strutturali quali il sovra/sottodimensionamento dell’organico in relazione agli obiettivi da raggiungere
- di valutare la congruità del coefficiente risorse ausiliarie/risorse produttive rispetto allo standard ottimale
- di evidenziare le eventuali non-conformità nel rapporto ore presenza segreteria/orario di apertura dello Studio.
E’ uno strumento imprescindibile per la riorganizzazione delle risorse umane, soprattutto in momenti in cui la fluttuazione degli accessi alla struttura richiede costante attenzione e celeri manovre correttive.


TUEOR SERVIZI SRL

C.so Tazzoli 215/13 10137 Torino

[+39] 011 311 06 75