BUSINESS
02 aprile 2021

Sviluppo sostenibile – 50 anni di progresso

Sanjay Haryana

Passando da un focus ambientale limitato al riconoscimento dell’importanza della salute, del benessere e della prosperità delle persone e del pianeta, il concetto di sviluppo sostenibile si è trasformato nel corso degli anni. Acquisire informazioni su questo sviluppo può ampliare la comprensione di ciò che la sostenibilità può significare per i professionisti della salute oggi. Nel 1972, il primo vertice sull’ambiente si tenne a Stoccolma, in Svezia, e nacque l’affermazione “sviluppo ambientale”. L’anno successivo, la dichiarazione è stata modificata in “sviluppo ecologico”. 50 anni di processi, cambiamenti e ricerche non possono essere facilmente riassunti ed è bene ricordare che il progresso è impegnativo. È un continuo cambiamento di mentalità e ciò che è “vero” oggi potrebbe non essere “vero” domani. Esempio dalla Scandinavia degli anni ‘60 relativamente all’informazione pubblica su come mantenere pulita la riva del mare: il pubblico è stato incoraggiato a mettere la spazzatura in una scatola, appesantirla con pietre e poi affondarla nell’oceano. Fortunatamente sono successe molte cose da allora.

Cosa significa sostenibilità?
La maggior parte di noi conosce la parola sostenibile. È comunemente associata a termini come cambiamento climatico, ambiente e riciclo. Sebbene ci sforziamo per un obiettivo comune, queste espressioni sono talvolta utilizzate per convincere, mettere in cattiva luce o fare pressione su persone e organizzazioni. “Non sostenibile”, “non biodegradabile” e “dannoso per l’ambiente”, non solo fuorviano e generalizzano l’argomento, ma mancano anche l’essenza della sostenibilità. Le aziende descrivono se stesse e i loro prodotti come sostenibili usando frasi come impronta di CO2, a base biologica, a base vegetale e green, ma la sostenibilità va oltre; include interazioni complesse con cause ed effetti a volte inaspettati. Una prima definizione di sostenibilità è “sviluppo che soddisfi i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni”. Questa descrizione moderna della sostenibilità è stata pubblicata nel rapporto “Our Common Future” della Commissione Bruntland nel 1987. Sebbene l’ambiente sembri essere al centro dell’attenzione, si riferisce alla crescita economica proteggendo l’ambiente e le persone, noto anche come sviluppo sostenibile; implicando il beneficio fisico e mentale del trattamento reciproco e dell’ambiente con rispetto.

Sviluppo sostenibile
Lo sviluppo sostenibile è talvolta descritto come “crescita economica green”, crescita economica con un impatto minimo sull’ambiente e sulle persone. Un esempio è una produzione con minori emissioni di CO2, condizioni di lavoro eque e una catena di approvvigionamento efficiente. Un modo più popolare per descriverlo è quello di utilizzare i tre pilastri dello sviluppo sostenibile, ambientale, economico e sociale, che si è gradualmente sviluppato dal rapporto Bruntland (1987) e dai vertici mondiali di Rio (Agenda 21, 1992) e Johannesburg (2002). Tuttavia, non esiste un quadro chiaro e una spiegazione approfondita dei tre pilastri, e il modello è stato quindi adottato da diversi ambiti professionali. I tre pilastri sono comunemente descritti come segue:

  • Ambientale (pianeta): proteggere il pianeta. Consumare a un ritmo in cui le risorse possono rinnovarsi;
  • Economico (profitto): avere e generare accesso alle risorse per soddisfare le nostre esigenze;
  • Sociale (persone): leadership equa, diritti umani, parità tra i sessi, accesso all’istruzione e all’assistenza sanitaria, ad esempio.

La salute è coinvolta al massimo grado in tutti e tre i pilastri. L’individuo ha bisogno di accedere alle cure, ma anche di essere in grado di generare mezzi sufficienti per permetterselo e di avere l’opzione di cure rispettose dell’ambiente senza essere messo a rischio a causa di compromessi: è tutto integrato.

“Pensa globalmente e agisci localmente” – Agenda 21
Per attuare lo sviluppo sostenibile a livello globale, nazionale e locale, al vertice mondiale di Rio, Brasile, nel 1992, è stata presentata Agenda 21, un programma dinamico con lo slogan “Pensa globalmente e agisci localmente”. Sebbene l’approvazione fosse volontaria per gli Stati membri, ha comunque fornito un quadro con passi fondamentali verso la salute e il benessere, non solo per l’umanità ma per tutta la vita sulla terra: persone, piante e fauna selvatica. Da allora l’Agenda 21 ha svolto un ruolo centrale nel lavoro di sostenibilità delle Nazioni Unite e l’attuazione e il progresso sono stati rivisti più volte; ai vertici mondiali del 1997, 2002 e 2012, dove i paesi membri sono stati nuovamente invitati ad avvalorare il loro impegno per lo sviluppo sostenibile nel documento “Il futuro che vogliamo”.

Gli obiettivi di sviluppo del millennio
“Non risparmiare sforzi per liberare i nostri simili, uomini, donne e bambini dalle condizioni abiette e disumanizzanti dell’estrema povertà.” Nel 2000, sono stati fissati 8 obiettivi di sviluppo del millennio (MDG) per ridurre la povertà estrema e i suoi effetti immediati, ridurre la diffusione dell’HIV e fornire istruzione. Rispetto all’Agenda 21, che consisteva di 351 pagine, gli MDG includevano solo 8 obiettivi, 18 sotto-obiettivi e 48 indicatori da raggiungere entro il 2015. L’impegno degli Stati membri era ancora volontario e gli obiettivi erano principalmente rivolti ai paesi in via di sviluppo con il sostegno di paesi sviluppati. Gli MDG sono ad oggi il movimento più efficace per perseguire la salute e il benessere a livello globale, e hanno aiutato più di un miliardo di persone a uscire dalla povertà estrema e portando a una frequenza record a scuola da parte delle ragazze. Nonostante il successo del programma, ha evidenziato altre aree che non potevano essere trascurate per raggiungere la sostenibilità a livello globale. Gli obiettivi di sviluppo del millennio hanno quindi portato alla fase successiva dello sviluppo sostenibile, l’Agenda 2030.

Agenda 2030 e gli obiettivi di sviluppo sostenibile
Nel 2015, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. È un impegno degli Stati membri delle Nazioni Unite a lavorare per raggiungere un mondo socialmente, ambientalmente ed economicamente sostenibile entro il 2030. Comprende 17 obiettivi (SDG) con 169 sotto-obiettivi da raggiungere entro il 2030. Sono indipendenti ma comunque collegati tra loro e sono un’estensione del lavoro precedente che mira a fornire un mondo migliore per le generazioni future. Più ugualmente strutturato, il programma è rivolto sia ai paesi sviluppati che a quelli in via di sviluppo. Quando gli SDG sono stati introdotti nel 2018, è diventato chiaro che anche i paesi più sostenibili del mondo erano in ritardo nel raggiungimento dei 17 obiettivi entro il 2030. Tuttavia, gli obiettivi aiutano a individuare le azioni che devono essere intraprese e oggi molte organizzazioni li utilizzano per tracciare una via da seguire, spesso concentrandosi su obiettivi in cui possono fare la differenza. Per le cure odontoiatriche e l’assistenza sanitaria, l’SDG 3 - Buona salute e benessere - è quello che ci sta più a cuore, ma la maggior parte degli SDG - se non tutti - ha un impatto diretto o indiretto sulla salute fisica e mentale delle persone. Pertanto, il miglioramento di qualsiasi SDG è benefico per la salute e il benessere. Dopo cinquant’anni di progresso, il nostro motto - “Primum non nocere”, First do no harm  è profondamente radicato nello sviluppo sostenibile.

Referenze

  • https://unfoundation.org/blog/post/the-sustainable-development-goals-in-2019-people-planet-prosperity-in-focus/;
  • https://sustainabledevelopment.un.org › content › documents;
  • https://www.un.org/sustainabledevelopment/blog/2015/08/transforming-our-world-document-adoption/;
  • https://sustainabledevelopment.un.org/milestones/humanenvironment);
  • https://www.carbontrust.com/news/2018/09/what-exactly-is-a-science-based-target/;
  • https://link.springer.com/article/10.1007/s11625-018-0627-5;
  • https://sustainabledevelopment.un.org/outcomedocuments/agenda21;
  • https://sustainabledevelopment.un.org/content/documents/641Synthesis_report_Web.pdf;
  • https://www.un.org/millenniumgoals/;
  • http://peoplebuildingbettercities.org/wp-content/uploads/2013/04/MDGs-to-SDGs-Lancet.pdf;
  • https://www.undp.org/content/undp/en/home/sdgoverview/mdg_goals.html;
  • https://www.un.org/millenniumgoals/2015_MDG_Report/pdf/MDG%202015%20rev%20(July%201).pdf.
Advertising
Advertising
Advertising
Advertising
Advertising
'