INTERVISTE
02 maggio 2022

Ritorno al futuro, un augurio e un auspicio. Intervista al Presidente UNIDI, Gianfranco Berrutti

Carola Murari

Attuale Presidente dell’Unione Nazionale Industrie Dentarie Italiane (UNIDI) e Presidente della Federation of the European Dental Industry (FIDE), il dott. Gianfranco Berrutti in occasione dell’Expodental Meeting 2022, che si terrà dal 19 al 21 maggio a Rimini, ha risposto ad alcune domande della nostra redazione.

Dott. Berrutti, due anni alla presidenza di UNIDI, due anni tutt’altro che facili. Partiamo proprio dallo slogan scelto per l’edizione di quest’anno: “Ritorno al futuro”. Ci può illustrare meglio il significato che vuole trasmettere per l’intera filiera dentale? Cosa significa ripartenza per il settore dentale sconvolto dalla crisi pandemica e da quella economica?

Sono stati due anni complessi e oggi, ad aggravare la già precaria stabilità mondiale, interviene anche il conflitto in Ucraina che ci riguarda molto da vicino per le varie implicazioni commerciali e politiche, per non parlare dei problemi di sicurezza. Expodental Meeting 2022 rappresenta, quindi, una sfida e ritorno al futuro il nostro obiettivo, a quello che sembrava il nostro futuro nel 2019 con tassi di crescita di mercato e manifestazione a doppia cifra. Expodental Meeting è già stata la prima manifestazione del dentale che ha rotto il lockdown ed è stata organizzata in presenza nel 2021 con risultati davvero incoraggianti e una risposta entusiasta, seppur contenuta, di aziende e pubblico. Ritorno al futuro rappresenta, quindi, un augurio e un auspicio.

Il suo è un punto di vista privilegiato sul fronte italiano ma anche europeo per quanto riguarda l’industria dentale: può dirci come sta reagendo alla luce dell’attuale crisi nel reperimento delle materie prime?

Il nostro settore comprende tantissime e diverse realtà produttive per cui diventa difficile rispondere alla sua domanda. Sappiamo dagli economisti e dagli studiosi di politica estera che le ripercussioni più importanti generate dal conflitto in corso faranno sentire appieno il loro effetto solo tra qualche mese. Sono certo che l’industria saprà adeguare i suoi comportamenti mettendo in campo tutti gli sforzi possibili per evitare che gli aumenti dei costi si ripercuotano sui suoi clienti e quindi sugli utenti finali.

Molte novità in questa edizione di Expodental Meeting 2022 tra le quali l’Area Expo3D con il Digital Dental Theatre, format innovativo già presentato nel 2021 e quest’anno ulteriormente ampliato. Qual è il ruolo del digitale in questo slancio verso il futuro e la ripartenza?

Siamo molto fieri dell’area Expo3D e del Digital Dental Theatre, l’evento completo sulla odontoiatria digitale. Siamo convinti da tempo che il digitale rappresenti un obiettivo strategico del nostro futuro e al tempo stesso una sfida. I due anni di pandemia, poi, ci hanno permesso di apprezzare ancora di più tanti strumenti digitali fino a quel momento poco usati. Immaginiamo da sempre un futuro che coniughi digitale e analogico per favorire il progresso sociale e economico. Sono personalmente convinto che la fiera fisica non potrà mai essere soppiantata da un incontro virtuale, ma non posso che apprezzare quanto il digitale contribuisca al nostro benessere e al nostro progresso. Importante il coinvolgimento di tutti i protagonisti della filiera come traspare dalla novità del Tecnodental Forum dedicato agli odontotecnici.

Una sua opinione in merito al team e al ruolo del gioco di squadra per un vero rilancio.

Expodental Meeting lavora da sempre per rispondere alle esigenze di tutti gli attori della filiera e ha costantemente dimostrato grande attenzione verso i diversi professionisti collaborando con tutte le società scientifiche e le organizzazioni che le rappresentano. Da tempo ormai la nostra manifestazione ospita eventi dedicati agli odontotecnici, contrassegnati dal logo Tecnodental. Tecnodental FORUM rappresenta, quindi, una scelta obbligata per soddisfare questa mission. Sono assolutamente convinto che solo lavorando tutti verso lo stesso obiettivo potremo raggiungere i migliori risultati. Mi piace citare la formula 1+1=3, tanto cara ai pubblicitari e adesso adottata in tanti campi, incredibilmente chiara nella sua metafora.

Advertising
Advertising
Advertising
Advertising
Advertising
'