NOTIZIE DALLE AZIENDE
29 marzo 2021

Dentsply Sirona lancia Surefil one: un nuovo composito rivoluzionario

Comunicato Stampa Dentsply Sirona

I restauri posteriori rappresentano due terzi di tutti i restauri diretti di uno studio odontoiatrico1 e le resine composite costituiscono il materiale più scelto per la loro realizzazione2. Tuttavia, fino ad un caso su quattro può essere definito come una situazione clinica compromessa, a causa di un difficoltoso isolamento della cavità, di scarsa collaborazione da parte del paziente o della presenza di un margine subgengivale3. A causa della complessa procedura necessaria per la loro corretta lavorazione, i compositi non sono la scelta ottimale per queste situazioni. Surefil one di Dentsply Sirona offre un’alternativa ideale, combinando la praticità dei vetroionomeri alla longevità dei compositi. Il nuovo materiale è disponibile in Italia dall’8 marzo.

Un numero sempre crescente di pazienti richiede restauri privi di amalgama per ragioni estetiche e ambientali. Le alternative tradizionali all’amalgama sono i compositi resinosi e i vetroionomeri. Per garantire la massima adesione tra restauro e struttura dentale, i compositi necessitano di un isolamento completo durante tutta la procedura, oltre ad essere fortemente dipendenti dall’abilità tecnica dell’operatore. A causa della lunga procedura e dell’importanza critica dell’isolamento, i compositi non sono la scelta preferita dai clinici per alcune situazioni. Di contro, l’alternativa offerta da molti vetroionomeri è in molti casi non indicata a causa delle inferiori proprietà meccaniche di questi materiali. Ciò può infatti originare fallimenti prematuri e richiedere nuovi interventi correttivi, aumentando le spese per il clinico, l’inefficienza dello studio e l’insoddisfazione del paziente. L’innovativo materiale Surefil one offre ora l’alternativa ideale. La procedura può essere ultimata molto più velocemente rispetto ai compositi e ottiene risultati più duraturi dei vetroionomeri4. Surefil one è disponibile in cinque tinte: A1, A2, A3, A3,5 e Bleach

Praticità e longevità

È la prima volta che la semplicità dei vetroionomeri e la longevità dei compositi in resina vengono unite in un solo prodotto, creando una classe di materiali completamente nuova: i compositi ibridi autoadesivi. Surefil one è in grado di polimerizzare adeguatamente in qualunque spessore, fornendo al clinico la sicurezza di una polimerizzazione completa anche senza stratificazione. Surefil one può essere anche fotopolimerizzato, così il restauro può essere rifinito e lucidato subito dopo la fotopolimerizzazione di superficie. Gli studi hanno dimostrato che i restauri in Surefil one sono longevi come quelli in composito: dopo 500.000 cicli di masticazione, non sono presenti segni di fratture o danni, mentre i vetroionomeri testati mostrano le prime fratture dopo già 100.000 cicli5.

Tempo di trattamento più breve grazie alla procedura più veloce ed efficiente

Avere meno passaggi nella procedura rende il trattamento di restauro più veloce ed efficiente. Con Surefil one, i dentisti possono riempire la cavità in un solo strato, senza mordenzante né adesivo, minimizzando così il rischio di contaminazione durante la procedura. Il tempo risparmiato nella procedura rappresenta un vantaggio clinico importante, specie nei casi in cui l’isolamento della cavità è difficoltoso o la collaborazione del paziente è scarsa.

Surefil one integra la gamma Class II Solution

Surefil one si unisce alla Class II Solution di Dentsply Sirona come soluzione per le seconde classi più difficili. Quando ad esempio l’isolamento della cavità è il fattore critico nel determinare il successo del restauro, la Class II Solution di Dentsply Sirona con Surefil one diventa una soluzione eccellente. “Surefil one è un materiale molto innovativo per gli studi dentistici.” sostiene il Dr. Chris Campbell di Columbia, SC. “Gli odontoiatri cercano prodotti in grado di risolvere i problemi di tutti i giorni. Surefil one ci permette di ottenere restauri predicibili in situazioni cliniche compromesse. Che si tratti di isolamento difficoltoso, paziente poco collaborativo o altre circostanze imprevedibili, Surefil one svolge il proprio compito come nessun altro materiale restaurativo che io abbia mai utilizzato”. Quando invece la situazione clinica è meno difficile, in circa 3 casi su 46, l’adattamento al fondo del box interprossimale diventa il fattore critico nel determinare il successo del restauro. In questi scenari, si consiglia la Class II Solution di Dentsply Sirona con il materiale di riferimento SDR flow+.

Per maggiori informazioni, visita il sito www.dentsplysirona.com/surefilone

1 american dental association procedure recap report, 2006.

 2 the key group omnibus survey, 2018, usa.

3 data on file.

4 prof. frankenberger. amalgam alternatives critically evaluated: effect of long-term thermomechanical loading on marginal quality, wear, and fracture behavior. journal of adhesive dentistry 2018; vol. 22(1): p. 107-116

5 journal of adhesive dentistry 2018; vol. 22(1): p. 1-123

6 international survey, 2019, france, italy, germany, usa.

Advertising
Advertising
Advertising
Advertising
Advertising
'