NEWS

13 novembre 2020

MpO & Partners promuove la petizione per un adeguato supporto normativo e fiscale alle aggregazioni tra professionisti

By MpO & Partners

Dopo essersi confrontata con i principali protagonisti del mondo professionale (rappresentanti di Ordini, Associazioni, docenti universitari, esperti della materia e testate giornalistiche), MpO &Partners – prima realtà in Italia specializzata nelle M&A degli studi – lancia una petizione online con l’obiettivo di supportare dal punto di cista legislativo e fiscale le aggregazioni/fusioni/acquisizioni in questo specifico settore.

Rivolgendosi al Parlamento Italiano, la petizione in particolare chiede:
1. L’applicazione del “Bonus Aggregazioni”, già previsto per le aggregazioni aziendali (Decreto Legge 34/2019), anche alle aggregazioni professionali;
2. La neutralità fiscale per il conferimento o trasformazione di attività professionali e studi associati in STP (Art. 10 L. 183/2011, Art. 9, 54, 170 e 176 Tuir, Risposta AdE n.107, pubblicata il 13 dicembre 2018 e n.125, pubblicata il 21 dicembre 2018);
3. Una tassazione agevolata (ad es. flat tax) per i professionisti, prossimi alla pensione, che intendono cedere la propria attività professionale.

L’iniziativa nasce dopo che MpO ha aperto dei dibattiti online con presidenti di Ordini e Associazioni, nonché docenti universitari ed esperti della materia, (l’ultimo dei quali il 13 ottobre scorso dal titolo “Aggregazioni: un affare per le imprese, un'impresa per i professionisti") durante i quali è stato ampiamente evidenziato come i professionisti italiani, al fine di sconfiggere la crisi che da tempo li riguarda, dovrebbero aggregarsi fra loro per realizzare strutture organizzative che trascendano il superato modello di studio mono-professionale e siano in grado di affrontare in modo competitivo la vasta ed articolata domanda del mercato.

“Il professionista italiano, animale storicamente solitario,” commentano Corrado Mandirola e Alessandro Siess, founder di MpO “non possiede la cultura dell’aggregazione e, inoltre, non trova nel sistema gli strumenti che lo incentivino a farlo. Pertanto, al fine di gestire il cambiamento inevitabile che sta caratterizzando questi anni, il processo di aggregazione professionale va agevolato mediante una legislazione civilistico e soprattutto fiscale che renda appetibili le operazioni straordinarie di questo genere”.

I risultati di questa petizione saranno sottoposti all’attenzione di importanti esponenti del governo il prossimo 1° dicembre, in occasione di un convegno online che vedrà anche la presentazione di un Libro Bianco, coordinato da MpO, con il contributo dei più importanti rappresentanti del mondo professionale, a commento di questa rivoluzionaria riorganizzazione dell’intero sistema.

La petizione può essere sottoscritta QUI >

'