NEWS

17 aprile 2019

Stress – Amico o nemico?

L’industria degli eventi e della Live Communication lancia un grido di allarme: servono aiuti concreti alle aziende e un piano di ripartenza
Milano, 27 aprile 2020: senza eventi, concerti, convention, congressi, fiere, il nostro Paese perde visibilità nel mondo, fatturato interno e mette a rischio una industry che raccoglie circa 570mila lavoratori.
Un grido d’allarme che arriva non solo dalle voci note di Tiziano Ferro, Vasco Rossi e Laura Pausini, ma soprattutto da agenzie, associazioni e imprese del mondo degli eventi, dei congressi e della Live Communication, che si sono riuniti sotto l’hashtag #ItaliaLive, un progetto che vuole portare all’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni una grave crisi economica e sociale che sta attraversando il settore.

By Michèle Reners



Il termine “Stress” viene spesso usato in modo improprio e applicato in modo inappropriato. Nel mondo di oggi, l'essere stressati è spesso associato ad una vita lavorativa intensa e attiva. In realtà, quello che chiamiamo “stress” è un fenomeno complesso che indebolisce il nostro organismo e il cui scopo principale è quello di mantenere l'equilibrio interno. Lo stress è responsabile di molte malattie e, più che un semplice fattore di rischio, è una vera e propria sofferenza.

Ma non è sempre stato così. Gli esseri umani primitivi vivevano in condizioni molto più stressanti di noi oggi, poiché la loro sopravvivenza era costantemente in gioco. Dovevano cacciare per sopravvivere e dovevano combattere o fuggire. Le reazioni generate dallo stress erano una fonte di energia che permetteva loro di sopravvivere nel mondo aggressivo in cui vivevano, convogliando immediatamente la loro energia in azione. Nel mondo di oggi, l'aggressività è evidentemente più spesso verbale ed è impossibile combattere o fuggire da una commissione d'esame, dal capo o da un ingorgo. Lo stress spesso dura più a lungo ed è più intenso (bullismo sul posto di lavoro, per esempio) ed è qui che la patologia si radica.

Ma cos’è lo stress?
È una risposta adattiva. Nel 1920, Cannon propose una descrizione scientifica dello stress: «il corpo di qualsiasi animale complesso manifesta un modello di risposta stereotipato a qualsiasi minaccia ambientale che ne disturba l'equilibrio», la ben nota risposta di lotta o di fuga. Fu Selye che nel 1936 la chiamò “sindrome generale di adattamento". Descrisse tre fasi di risposte fisiologiche. La prima è la fase di allarme, di fronte ad una situazione difficile. Questa fase mira a mobilitare le risorse: la respirazione accelera, i grassi vengono bruciati e il glucosio rilasciato. La frequenza cardiaca aumenta e i cinque sensi diventano più acuti. La digestione viene interrotta e la produzione di saliva diminuisce. La priorità è data ai muscoli e al cervello. Tutte queste reazioni, o sforzi di adattamento, sono normali e utili e permettono al nostro corpo di adattarsi ad un ambiente in continuo movimento. Se non è possibile intervenire e non è possibile trovare una soluzione per adattarsi alla minaccia, inizia la fase di resistenza. Questa fase corrisponde ad uno stato di eterostasi, ed è in questa fase che possono iniziare problemi psicologici e/o psicosomatici. La fase di esaurimento segna la fine della fase di resistenza con l'esaurimento delle risorse e l'abbandono dello sforzo. Questo è un burn-out.

Naturalmente, ognuno reagisce in modo diverso ai fattori di stress, perché ognuno vede le cose in modo diverso e ha la propria capacità di adattamento (o capacità di affrontare). Parliamo di un comportamento di coping di successo nell'affrontare le situazioni in cui l'individuo ha la sensazione di confrontarsi e di mantenere il controllo. Sarebbe un fallimento se fosse sopraffatto dagli eventi. Selye ha anche fatto una distinzione tra stress negativo (angoscia) e positivo (stress buono). Quest'ultimo è vantaggioso per tutti, in quanto permette di superare i propri confini senza perdere l'equilibrio interno e raggiungere un obiettivo prefissato (ad esempio, lo stress di uno sportivo prima di una competizione).

Qual è il collegamento tra lo stress e la parodontite?
La malattia parodontale è una malattia batterica infiammatoria multifattoriale. Nella parodontite necrotica, lo stress è stato a lungo riconosciuto come uno dei principali fattori di rischio. I soldati di Alessandro Magno soffrivano già di questa patologia, che in seguito colpì i soldati nella prima guerra mondiale, quando era conosciuta come “malattia di trincea". Gli stadi di attività sono stati descritti nello sviluppo della malattia parodontale. Lo stress è considerato un fattore aggravante a causa di due fenomeni: lo stress genera un cambiamento di comportamento da un lato e una riduzione delle difese immunitarie dall'altro. Molti studi, alcuni molto vecchi, hanno dimostrato che i pazienti con depressione hanno la tendenza a mangiare male, a prendersi meno cura di se stessi e ad aumentare il consumo di tabacco, alcool e farmaci. Sappiamo che la malattia parodontale si stabilizza se i pazienti effettuano quotidianamente una pulizia meticolosa dei denti e degli spazi interdentali. La motivazione interna è ridotta nei pazienti depressi e quindi la negligenza dell'igiene dentale aumenta la quantità di biofilm e ne modifica la composizione. Le carenze nutrizionali sono anche responsabili della diminuzione dell'immunità. L'uso del tabacco è un fattore di rischio riconosciuto per la malattia parodontale. L'accumulo di tutti questi cambiamenti comportamentali aumenta il rischio di sviluppare una parodontite o recidiva.

Il modo in cui lo stress agisce sul sistema immunitario è riassunto secondo l'asse ipotalamo-ipofisi-surreneale. Lo stress psicosociale è in grado di attivare l'ipotalamo, che secerne l'ormone adrenocorticotropico, che a sua volta stimolerà la ghiandola adrenocorticale per produrre glucocorticoidi, di cui il cortisolo ha un'azione immunosoppressiva. La corteccia surrenale produrrà catecolamine perché stimolata dal sistema nervoso autonomo.

È interessante notare che il comportamento di coping è un fattore determinante nell'esito del trattamento parodontale: i risultati sono migliori nei pazienti che sono bravi ad affrontare il trattamento. Le ultime ricerche evidenziano l'intelligenza emotiva; più è alta, migliori sono le risposte dei pazienti al trattamento parodontale.

Come affrontare lo stress?
Dobbiamo diagnosticare lo stress nei nostri pazienti e indirizzarli a terapisti specializzati. Tuttavia, i pazienti non sono gli unici a soffrire di stress; l'odontoiatria è una professione molto stressante. È quindi importante individuare precocemente lo stress e gestirlo in modo efficace. Oggi più che mai conosciamo le cause dello stress, il suo funzionamento, le sue conseguenze e gli antidoti. Per cominciare, possiamo adottare uno stile di vita sano e seguire alcune raccomandazioni. Lo sport è il modo ideale per ridurre lo stress, poiché l'attività fisica libera l'energia accumulata dalle situazioni di stress. Qualunque sia lo sport che si sceglie, ci si deve divertire e fissare obiettivi raggiungibili all'inizio. Alcuni preferiscono il rilassamento con lo yoga o la meditazione, compresa la riduzione dello stress basato sulla meditazione. È stato inoltre dimostrato che queste tecniche stimolano direttamente le regioni del cervello associate al benessere, rilassano i muscoli e hanno un effetto analgesico. Avere piacevoli interazioni sociali ed evitare l'isolamento riduce la secrezione di cortisolo. Allo stesso modo, le tecniche di rilassamento riducono la concentrazione di catecolamine.

Lo stress è il segnale d'allarme del nostro corpo ed è importante rilevarlo. Può rimanere nostro amico se lo ascoltiamo. Tuttavia, se ignoriamo i segnali di avvertimento e non riusciamo a recuperare l'equilibrio interno, può rapidamente diventare il nostro peggior nemico.

'